Reklam (Ads)


Informazioni brevi sul profumo

Le formule precise dei profumi commerciali sono tenute segrete. Anche se fossero ampiamente pubblicati, sarebbero dominati da procedure e ingredienti chimici così complessi che sarebbero di scarsa utilità nel fornire un’utile descrizione dell’esperienza di un profumo. Tuttavia, gli intenditori di profumo possono diventare estremamente abili nell’identificare i componenti e le origini dei profumi allo stesso modo degli esperti di vino.

Il modo più pratico per iniziare a descrivere un profumo è in base al suo livello di concentrazione, alla famiglia a cui appartiene e alle note del profumo, che influenzano l’impressione generale di un profumo dalla prima applicazione fino all’ultimo accenno persistente di profumo.

Informazioni brevi sul profumo

Livelli di concentrazione


Livelli di concentrazione

L’olio profumato è necessariamente diluito con un solvente perché gli oli non diluiti (naturali o sintetici) contengono alte concentrazioni di componenti volatili che probabilmente provocheranno reazioni allergiche e possibilmente lesioni se applicati direttamente sulla pelle o sui vestiti.

Il solvente di gran lunga più comune per la diluizione dell’olio profumato è l’etanolo o una miscela di etanolo e acqua


Il solvente di
gran lunga più comune per la diluizione dell’olio profumato è l’etanolo o una miscela di etanolo e acqua. L’olio profumato può anche essere diluito mediante lipidi dall’odore neutro come jojoba, olio di cocco frazionato o cera.

Al diminuire della percentuale di composti aromatici diminuisce anche l’intensità e la longevità del profumo creato. Diverse profumerie o case di profumi assegnano diverse quantità di oli a ciascuno dei loro profumi. Pertanto, anche se la concentrazione di olio di un profumo nella diluizione di eau de parfum (EDP) sarà necessariamente superiore a quella dello stesso profumo in forma di eau de toilette (EDP) all’interno dello stesso intervallo, le quantità effettive possono variare tra le case di profumeria. Un EDT di una casa può essere più forte di un EDP di un’altra.

Inoltre, alcune fragranze con lo stesso nome di prodotto ma con un nome di concentrazione diverso potrebbero non solo differire nelle loro diluizioni, ma in realtà utilizzare miscele di oli profumati completamente diverse


Inoltre, alcune fragranze
con lo stesso nome di prodotto ma con un nome di concentrazione diverso potrebbero non solo differire nelle loro diluizioni, ma in realtà utilizzare miscele di oli profumati completamente diverse. In alcuni casi, parole come “extr�me” o “concentr�e” aggiunte ai nomi delle fragranze potrebbero indicare fragranze completamente diverse che si relazionano solo a causa di un accordo olfattivo simile. Un esempio di questo sarebbe Pour Monsieur e Pour Monsieur Concentré di Chanel.
Ad esempio, per rendere la versione EDT di una fragranza più brillante e più fresca della sua EDP, l’olio EDT può essere “modificato” per contenere un po’ più note di testa o meno note di fondo.

Famiglie olfattive

Raggruppare i profumi, come qualsiasi tassonomia, non può mai essere un processo completamente oggettivo o definitivo


Raggruppare i profumi,
come qualsiasi tassonomia, non può mai essere un processo completamente oggettivo o definitivo. Molte fragranze contengono aspetti di diverse famiglie. Anche un profumo designato come “fiore singolo”, per quanto sottile, avrà sfumature di altri aromi. I “veri” profumi unitari si trovano raramente nei profumi in quanto richiedono che il profumo esista solo come singola materia aromatica.

La classificazione per famiglia olfattiva è un punto di partenza per la descrizione di un profumo, ma non può di per sé denotare la caratteristica specifica di quel profumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reklam (Ads)