Reklam (Ads)


Storia del bingo: storia del gioco del bingo

Le origini del bingo contemporaneo risalgono all’Italia del XVI secolo, dove fu introdotto il gioco della lotteria Lo Giuoco del Lotto d’Italia. Il popolare gioco d’azzardo fu introdotto in Nord America alla fine degli anni ’20 con il nome di Beano. Un venditore di giocattoli di New York è stato responsabile del cambiamento del nome del gioco in Bingo e dell’aumento della sua popolarità negli Stati Uniti.

Alla fine del XVIII secolo, l’originale gioco del lotto italiano arrivò in Francia. Le prove storiche mostrano che un gioco chiamato Le Lotto era popolare tra l’alta società francese che era solita giocare a feste e incontri sociali.

Storia del bingo: storia del gioco del bingo

Le Lotto si giocava con carte speciali divise in tre file e nove colonne


Le Lotto si
giocava con carte speciali divise in tre file e nove colonne. Ognuna delle tre colonne è composta da 10 numeri, mentre ogni colonna conteneva cinque numeri casuali e quattro spazi vuoti. Ogni giocatore aveva una carta del lotto diversa dove segnava il numero annunciato dal chiamante. Il primo giocatore a coprire una riga ha vinto la partita.

Nel XIX secolo, il gioco del lotto si diffuse in tutta Europa e iniziò a servire come gioco didattico per bambini. Nel 1850, diversi giochi educativi del lotto erano entrati nel mercato tedesco dei giocattoli. Lo scopo del gioco del lotto era insegnare ai bambini come scrivere le parole, come moltiplicare i numeri, ecc.

Negli anni ’20, una versione simile al gioco del lotto, nota come beano, era popolare nelle fiere di contea negli Stati Uniti


Negli anni ’20,
una versione simile al gioco del lotto, nota come beano, era popolare nelle fiere di contea negli Stati Uniti. In beano, i giocatori posizionavano i fagioli sulle loro carte per contrassegnare il numero chiamato. Il primo giocatore che ha completato una riga completa sulla sua carta, urlava Beano!, fino a quando una notte di dicembre 1929, quando un venditore di giocattoli del New Yorker di nome Edwin S. Lowe visitò una fiera di campagna fuori Jacksonville, in Georgia.

Sulla via del ritorno a New York, Lowe aveva acquistato attrezzature per fagioli, inclusi fagioli secchi, un timbro di gomma per la numerazione e cartone. Nella sua casa di New York, Lowe ha ospitato partite amichevoli di beano. Durante una partita, un vincitore eccitato che era riuscito a completare un’intera riga balbettava Bingo, invece di Beano. Ascoltando la ragazza balbuziente eccitata, i pensieri di Edwin S. Lowe se ne andarono. Lowe decise di sviluppare un nuovo gioco che si sarebbe chiamato Bingo.

Mentre il gioco del Bingo di Lowe faceva i suoi primi passi nel mercato, un prete della Pennsylvania chiese a Lowe di usare il gioco per scopi di beneficenza


Mentre il gioco
del Bingo di Lowe faceva i suoi primi passi nel mercato, un prete della Pennsylvania chiese a Lowe di usare il gioco per scopi di beneficenza. Dopo un breve periodo di prova, il prete aveva scoperto che il gioco del bingo fa perdere soldi alle chiese. Poiché la varietà di carte da bingo era limitata, ogni partita di bingo si è conclusa con più di cinque vincitori.

Per sviluppare il gioco e ridurre le probabilità di vincita, Lowe si rivolse al Prof. Carl Leffler, un matematico della Columbia University. A Leffler è stato chiesto di creare una più ampia varietà di carte da bingo in modo che ognuna di esse abbia una combinazione unica di numeri. Nel 1930, Lowe aveva 6.000 carte da bingo e il Prof. Leffler impazzì.

Da allora, la popolarità del gioco del bingo come raccolta fondi ha continuato a crescere


Da allora, la
popolarità del gioco del bingo come raccolta fondi ha continuato a crescere. In meno di cinque anni, in tutto il Nord America si sono svolte circa 10.000 partite di bingo settimanali. L’azienda di Lowe è cresciuta fino ad assumere diverse migliaia di dipendenti e ad occupare più di 60 macchine da stampa 24 ore al giorno.

Ora, il bingo è uno dei giochi d’azzardo più popolari al mondo. Si gioca nelle chiese, nelle scuole, nelle sale da bingo locali e nei casinò terrestri negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia, in Nuova Zelanda e in altre parti del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reklam (Ads)